Pier Maria Galli

by
La rappresentazione e l’acquisto della perdita: le “[litoranee]” di Pier Maria Galli

Chi associa sempre l’idea (e la percezione) del sentimento a un tipo di poesia fluida, generosa, colloquiale, dall’apparenza spontanea, potrebbe ricredersi leggendo a fondo queste [“litoranee”]: perché se c’è una cosa che qui colpisce è l’emergere di un sentimento personalmente declinato eppure basilare, appena dietro le ripide di uno stile ellittico ed elusivo.
Ma non siamo ancora pronti a entrare in questo nucleo tematico e sentimentale. Servono varie letture (ne consiglio almeno 3 o 4), e poi prima dobbiamo rendere conto dello stile di Pier Maria Galli, che ci lascia sospesi tra ammirazione e interrogazione. Perché, in ogni poeta che si rispetti, lo stile è parte integrante del contenuto, è il più corretto accesso alla sua interpretazione. Vediamolo dunque più da vicino.
In “[litoranee] 10”, tre brevi dichiarative si giustappongono senza nessi diretti; una costruzione che ricalca l’ablativo assoluto (“a vento / cessato”, con valore temporale) si interpone tra soggetto e verbo, a rendere sinuosa l’assertività dei versi; gli aggettivi, tutti posposti e a fine verso, pesanti e necessari, contribuiscono all’ineluttabilità di quanto si afferma e constata. In “[litoranee] 8” gli eventi suggeriti dai verbi sono raggelati nella funzione dei nomi e negati (“questo mai toccarci”, “magrissimo dire”, con splendida sinestesia visivo – uditiva); questo testo ha una carica più sensuale (“mai toccarci”, con privazione o aumento del desiderio, e “luogo che si spoglia”, ovvero che viene privato di qualcosa o che si offre del tutto), come se alla constatazione della lontananza seguisse un avvicinamento. In “[litoranee] 0” questa intimità si fa ancora più evidente con il diretto riferimento a un “tu” dotato di parola (“non smettere, / è l’unico viso che ho”), con il “legato” dei versi (che, grazie ad ambiguità sintattiche, hanno un senso compiuto da soli ma cambiano se legati ai successivi), e con il non-detto dello stile nominale, che registra con amorevole rispetto, senza invadere e modificare (“riprenderti. / un primo piano / poi due poi tre”). In “[per tenerti quotidianamente a memoria]”, la verticalità del linguaggio raggiunge il culmine, con slogamenti sintattici, parentetiche, sinestesie e altre ambiguità sintattiche (“solo” si può legare a “odore” ma anche all’infinitiva “per lasciarti fare la sera”); dall’intimità e sensualità delle poesie precedenti si passa a una vera e propria carica erotica (“viale segreto”, “fondo di un respiro”, “viso di rapina”: che prende anziché riprendere). Infine, “[litoranee] 4” ha la compostezza, la brevità e la luminosità (“luce”, “sole”) di un haiku.
Uno stile, in breve, frammentato, lontano dalle mimesi dell’affresco e della narrazione e più vicino, semmai, a una essenzialità per nulla appacificata; continuando la metafora artistica dell’affresco, direi che ci troviamo più che altro davanti a una serie di variazioni su un tema, opere monocrome percorse da un taglio poco vistoso ma profondo: la perdita dell’amore e della passione, perdita su cui ci si interroga per le sue implicazioni conoscitive e percettive; e questo senza mai scadere nel “teatro di sé”, nell’esposizione delle proprie sofferenze in cerca di commiserazione o facile consolazione. Ed è proprio il dover, in un certo senso, “forzare” questo stile (capirne i modi obliqui di nominazione per sottrazione e scomposizione) a garantire una lettura più attenta, indirizzata, più focalizzata; o ci fornisce, se preferiamo, l’angolo giusto dal quale trarre la nostra rappresentazione dei testi stessi.

Nell’accennare a “focalizzazione” e “rappresentazione”, non sto facendo altro che avvicinarmi al nucleo tematico di questa sequenza (compresi i testi qui non presenti e leggibili sul sito dell’autore), che s’interroga sull’atto della scrittura, atto che sempre comporta un distanziamento, una perdita, un filtro interposto; distanziamento sottolineato dallo stile appena descritto. E la scrittura è davvero il filo tematico (si veda come ricorrono, in posizione “forte”, le varie forme lessicali “scriverci”, “scriviamo”, “scriverti”, “c’è scritto”), declinato anche, analogicamente, in “pellicola”, “stremata” perché umana, perché prodotta dall’uomo.
Il ciclo stagionale (ma interiorizzato) è l’altro asse portante della narrazione (perché sì, malgrado tutto, una storia è possibile leggerla): dall’inverno del primo testo alla primavera del quarto (che a sua volta si scompone in “mattina”, “pomeriggio” e “sera”). Altri tasselli di coesione lessicale sono la ricomparsa del “vento” (dal primo al secondo testo), del “viso” (dal terzo al quarto), del “giardino” (spazio segreto e segregato, regressione, Eden perduto); chi leggerà le altre litoranee sul sito personale di Pier Maria Galli, realizzerà quanto queste “ossessioni lessicali” siano pervasive, andando a costruire un microcosmo lirico di perfezione minacciata, una miscela di pudore e straniamento difficili da trovare oggi.
Non ho ancora interpretato nulla, né è mio volere farlo nel senso tradizionale del termine; mi sento solo di suggerire delle possibili letture di parti che ho trovato più “ardue”: “le rose burrascose” che “ci fanno causa” possono essere interpretate come il rimorso (“ci fanno causa”) del sentimento che fu (“rose burrascose”: si noti anche il gioco tra queste e il vento “cessato”; a questo punto i “muri spogli” possono alludere analogicamente al foglio bianco); “sino alle foglie per la foglia” mi ha riportato in mente alcuni versi di Milo de Angelis (“insistere del verde / fino alla foglia”, da Tema dell’addio) e di Sereni (“la foglia che più resiste / voglia intermittente”, da Stella Variabile) e lo interpreto come autoreferenzialità (il dire “magro”, cioè inconsistente, e la struttura di “foglie per la foglia”, tautologica e circolare come il concetto di “arte per l’arte”); “scesa di sole” può essere interpretato come “scesa dal sole” (= fatta terrestre) o anche “diminuita di bagliore/di calore” (si veda “nel resto di tua luce” appena prima), per doppia sostituzione metonimica; si noti anche il riferimento al film di Bertolucci “Io ballo da sola”, a legarsi al riferimento alla pellicola due testi prima.
Influenze poetiche varie convivono, filtrate dall’obiettivo personale di Pier Maria: lirismo alto e antisentimentale, da Char a De Angelis; tendenza all’haiku (anche nell’insistenza stagionale) e imagismo misto a surrealismo; minimalismo e occasionale stile asintattico, come le avanguardie. Tutte tendenze, queste, che convergono in una poesia vibrante e coesa, dove una narrazione ellittica (la perdita dell’amore combinata con l’acquisizione della scrittura) si mescola all’indifferenza per la sequenzialità: questa – segnalata dalla numerazione che contrasta l’ordine di apparizione sulla pagina – ci invita a scombinare le carte, a riordinare i fotogrammi di questa pellicola in possibili altri modi. Ci invita, in altre parole, a ripercorrere il percorso artistico, a dargli la nostra impronta di lettori.

Davide Castiglione
www.castiglionedav.altervista.org
[litoranee] (10)
‎‎‎‎‎‎‎‎
‎‎‎‎‎‎‎‎
‎‎‎‎‎‎‎‎

le rose burrascose
a vento
cessato
ci fanno causa sopra i muri spogli:

(raffigurare è un movimento totale)

– da scriverci che l’inverno
è una passione
fredda

_________________________________

[litoranee] (8)
‎‎‎‎‎‎‎‎
‎‎‎‎‎‎‎‎
‎‎‎‎‎‎‎‎

‎‎‎‎‎‎‎‎ questo mai toccarci
nel luogo che si spoglia,
magrissimo dire di giardini
sino alle foglie per la foglia,
e nulla c’è che insiste più
di quel vento che solo
scriviamo

___________________________________________

‎‎‎‎‎‎

[litoranee] (0)
‎‎‎‎‎‎‎‎
‎‎‎‎‎‎‎‎
‎‎‎‎‎‎‎‎

scriverti è già una cosa
che ti assomiglia
ad uno sguardo

&

riprenderti.
un primo piano
poi due poi tre.
e ancora a perdifiato,
a pellicola stremata.
e tu che dici: non smettere,
è l’unico viso che ho

_____________________________________-

[per tenerti quotidianamente a memoria]
‎‎‎‎‎‎‎‎
‎‎‎‎‎‎‎‎
‎‎‎‎‎‎‎‎

c’è scritto giardino dove di mattina hai brine limpidissime, minime primavere tra l’erba. (pensavo). ma uno non può, a che gioco giocare, riprovare poi pomeriggi assolati e scioglierti nel viale segreto di un odore solo per lasciarti fare la sera sul fondo di un respiro, col tuo viso di rapina che si piega su di me

___________________________________

[litoranee] (4)
‎‎‎‎‎‎‎‎
‎‎‎‎‎‎‎‎
‎‎‎‎‎‎‎‎

nel resto di tua luce
balli da sola
scesa di sole

________________________________
‎‎‎‎‎‎
Pier Maria Galli è nato nel 1962 e risiede a
Orta San Giulio (Novara).
Ha pubblicato su diverse riviste tra cui Fiera,
Il Segnale, Bloc Notes, Alla Bottega, ecc. e nell’antologia Discorso Diretto (Ed. Canova).
Le raccolte: Indizio (Ed. TAM TAM, 1987), Dilogia (Ed. del Leone, 1987), La parola, oltre
i segni (Ed. Forum/Quinta Generazione, 1988), L’istinto delle cose (Ed. Forum/Quinta
Generazione, 1989), Basso paesaggio (Quaderni di Poesia del Gruppo Fara, 1989), La trattoria modesta (in proprio, lulu.com), Di un tu e quasi noi (Ed. del Leone, 2005) , Ottanta piccoli studi da lavandino (Ed. I figli belli, 2005), Prima che sia autoritratto (Editrice Zona, 2008), Gli uomini belli ed altri cortometraggi (Clepsydra Edition, 2009).
Volumi disponibili:
Ottanta piccoli studi da lavandino (Ed. I figli belli, 2005)

 

Prima che sia autoritratto (Editrice Zona, 2008 )

altre notizie qui http://piermariagalli.wordpress.com/chi-e-cosa-su-carta/#comment-431

Annunci

Tag:

9 Risposte to “Pier Maria Galli”

  1. fattorina1 Says:

    Quante belle insolite immagini! Di quanto credevamo sapere quasi tutto, ci sorprende questa ritrosia esplicativa ( perdona l’ossimoro)
    ci sorprende e suscita interesse, emozione, ci scava. Non chiedo altro alla poesia.
    Narda

    Mi piace

  2. Domenica Luise Says:

    Qui le rose sono burrascose e anche litigiose (“ci fanno causa”) sui muri spogli, è inverno, dell’amore sono rimaste le spine e la passione è diventata fredda. “E nulla insiste più di quel vento che solo scriviamo”: si dice parlare al vento, i poeti scrivono vento e tutto passa e cambia anche quando sembrava eterno.
    Ma c’è il ricordo di quel viso ripreso in primo piano più e più volte: “Non smettere, è ‘unico viso che ho”. Ormai lei, creatura solare (quant’è inflazionato questo aggettivo, e difatti l’autore lo cambia con “scesa di sole”, discesa dal sole in terra, tipo la Beatrice dantesca), balla da sola (vedi il film di Bertolucci).
    L’amore ha sempre ispirato poeti più o meno grandi, ma la semplicità di Pier Maria Galli e la nudità sentimentale sono apparenze sotto le quali si nasconde una sofferenza profondamente umana.
    Bella e accurata la recensione di Davide Castiglione.

    Mi piace

  3. nunzia binetti Says:

    Non conoscevo Galli, ma dopo aver letto i suoi versi posso affermare con sicurezza che nella sua poesia c’è una personalità notevole, tutta da studiare. Mi ha convinta subito la sua scrittura scarnificata all’osso,che procede per salti, spogliandosi da ogni belletto sintattico, per aprirsi a molteplici interpretazioni interconnesse.. Nonostante ciò ,non definirei oscura la poesia del Galli, quanto piuttosto tinteggiata di coloriture che sfumano,fino a trasformarsi in autentiche evanescenze. Posso dire di aver letto finalmente un autore diverso dai tanti, proposti in web e non solo. C’è in giro , infatti, una paccottiglia poetica molto condivisa che offende il concetto stesso di Poesia. Complimenti a Pier Maria Galli , autore,e a Davide Castiglione per aver saputo scegliere e recensire tanto bene.

    Liked by 1 persona

    • cristina bove Says:

      mi fa piacere, Nunzia, che tu abbia notato ciò che mi ha indotto a chiedere a Pier Maria i suoi testi .
      Davide poi ne ha espresso nei dettagli con la sua consueta, preziosa, competenza letteraria, e la sua capacità di scandagliare oltre le forme strutturali ed evidenziare anche il non detto.
      Grazie di essere passata, e di aver dato altro risalto a un poeta schivo ma veramente grande.
      e alle note critiche del “relatore”.
      cb

      Mi piace

  4. nunzia binetti Says:

    Cristina, ti so selettiva quanto Davide e me, e colgo l’occasione per dirti quanto merito attribuisco alla tua ricerca del bello poetico e di autori di livello. Considero la tua, una vera missione, e questo mi spingerà a frequentare più assiduamente il gruppo fb del ” Giardino” che diserto per mancanza di tempo. A presto.
    n.b

    Mi piace

  5. Doris Emilia Bragagnini Says:

    Pier Maria Galli, l’inafferrabile. Questo mi viene in mente se penso ai suoi versi mutevoli che sanno di vento in corrente, di sbattere a sorpresa di porte che si aprono su visioni capaci di stopparsi mentre si trattiene il fiato, aspettando un’immagine che non verrà, e proprio per questo più desiderata. Quale immagine non ha importanza, quella che al lettore manca e che deve ritrovare tra i suoi bagagli personali. Ricordo di aver pensato varie volte, leggendolo, che sa rendere una dimensione cristallizzata eppure mobile, una separazione viva tra il sé e il tempo. Una dimensione psichica di vivissima percezione, tensione, proprio perché separata da una continuazione che altrimenti ucciderebbe di vuoto. Meglio eclissarsi in una bolla di nulla dove tutto è fermo, capace di liberare le proiezioni emotive che si fanno parola. È un poeta che lascia una traccia in chi lo legge, indelebile, entra come una fitta di freddo pungente, o una goccia di pioggia bevuta da una foglia, piena di tramonto. Straordinario l’avvicinarsi di Davide Castiglione alla sua poetica così rarefatta.

    Doris

    Liked by 1 persona

  6. margherita ealla Says:

    una lettura spledida Davide, analitica, profonda e,soprattutto, legata al testo, come piace a me. Credo che mai come in questo caso, nel caso di Galli intendo, valga il “suggerire”, che tu esprimi così bene, piuttosto che l’interpretazione (se mai valga l’interpretazione tout court, in quanto tale)
    Credo anche che tu abbia individuato le influenze poetiche, anche nello “stile ellittico ed elusivo” e nel riscontro di una “essenzialità per nulla appacificata”.

    Un caro saluto a tutto il giardino

    Liked by 1 persona

  7. Amina Narimi Says:

    straordinario

    Mi piace

  8. Pier Maria Galli, nota ad alcuni testi – Critica del testo poetico Says:

    […] nota è già apparsa, alcuni anni fa, sul sito Il Giardino dei poeti. La ripropongo qui, facendola precedere da alcune poesie di Pier Maria Galli tratte direttamente […]

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: