Federica Galetto

by

Appare, da queste poesie, un desiderio espresso, anche se molto metamorfico, di comunicazione estesa, come se andasse ritrovata una grazia posseduta e ormai smarrita (involtolate), una capacità di dialogare fra le cose e fra e le cose e le creature, capacità perduta in parlottio disturbante estraneo alla comunicazione, anzi volutamente interessato a che non si compia nessun pacifico dialogo. Si è contaminato e svilito, anche ingannato, ogni verità, ogni stare di pace. Ogni chiarezza, ogni corretta individuazione e distinzione si è smarrita e il buffone quasi non si distingue dal sapente.
Ma continua la Galetto a dirci di questi tempi di sabbie mobili che risucchiano là dove si sarebbe desiderato appena sostare:
“apro la bocca e le mani ingoiando senza masticare
afferrando senza stringere
poiché piegata è la rima dei secondi
senza ristoro e luci
m’imbatto nei prologhi di questo mio disordine
a sbriciolarne contenuti
.
..”; si rimane ai prologhi, agli incipit, alle intenzioni, poi tutto intorno ti afferra, ti trascina, ti porta in un dentro amniotico, abulico, impotente e l’ennui ( la noia) si fa la nuit ( la notte), l’oscurità. L’assonanza del suono dovrebbe manifestare la grande dissonanza del senso e invece l’una si beve l’altra, la ingoia. La cosmogonia di riferimento è tragica, non risponde più a nessuna visione desiderata, a nessuna conoscenza appresa, a nessun movimento docile e dolce.
Un arruffìo di termini traduce la confusione dello stare in un essere privo di riferimenti, ora mascherato, ora smascherato, mai pacificato.
Manca, a mio parere, una qualsiasi indicazione di un mestatore, di una sorgente, o di una banda di briganti che ci hanno condotto a sentirci persone così perse e smarrite, vere o forse solo sognanti , e può dire la poetessa:
“ E le colme giornate
sui bordi del gelo sprangate al cielo
s’infrangono
ai veri dilemmi che non odo
e non accuso
….”
Allora noi , creature complesse e inquiete, siamo anche imbelli? La domanda sorge inevitabile leggendo l’ultima poesia, canto delle cose belle e fragili, della non persistenza della bellezza, dello struggimento che ci lascia questa consapevolezza: vedere, capire, avvicinarsi alla bellezza ed esserne allontanati come reietti: perché? Per chi?
Da tanta amara visione :
“…
In fila a montare croci sulle cime
Che sfavillano prive di pelle e ossa
Come carcasse in culle abbandonate

Risorgo dall’erba sotto i tuoi piedi”

può bastare quest’ultimo verso? E come risorgo? Non ci è detto. Come si era?
Forse per avere una qualche lume occorrerebbe il libro intero, non bastano alcune poesie.

Narda Fattori

.

Mutazioni

Mutazioni
In un filo d’acqua scendono le cose
Ricami ritmici diffusi
Costellate siepi di ginestrone
estirpate e lucide nel grigio stupito
di coltri nebbiose

Involtolate

ai passi corti del giorno
senza ancora lena
S’intromettono gazze e corvi
trasportando suoni d’ovatta

(e allora mi chiedo)

se il melo selvatico
s’invaghisca tremulo dei suoi fiori
appesi senza esser visti
se parlano le ortensie alle viole
come distese nel letto a confessare

Chiarori millesimali fusi nei rami
come allodole non ancora giunte
fuoriescono dai vetri

(che non so mai)

se siano essi specchi d’anima a ritroso
o becchi d’ uccelli nel fogliame
fenici rinvenute per mio tormento
o evoluzione in alto
complesse stirpi di nobili e accattoni
fin sotto la mia finestra.

Della noia

Della noia non cavalco che il dorso
Avrei certo sempre pensato di crearne
altra da impastare ai molli giunti dello
spirito come si fa con i piedi nel fango
quando piove
ovviando al termine del salto in punta di piedi
Ma sono fisse dimore i pantani scoperti
e canestri le ore di un tempo restio ai cardini
di scambio
apro la bocca e le mani ingoiando senza masticare
afferrando senza stringere
poiché piegata è la rima dei secondi
senza ristoro e luci
m’imbatto nei prologhi di questo mio disordine
a sbriciolarne contenuti
per essere sapendo di non esserci
per credere d’impossessarmi quando
nulla è possesso
[la nuit (la notte)
l’ennuie (la noia)]

Cardo notturno/diurno
Le sue spine inflitte
Mi rendono capace di
parlare solo ai fiori
pronunciando le stesse
vocali in confusione
di significati di-versi

Indice determinante delle luci asfittiche

Nelle gobbe d’asperità s’infiltra
l’emozione asettica
Crescendo s’imbatte in gola
un groppo
Trasceso resta appeso ai tendini
Come il collo voltato alle corse
nel sudore della fatica
Implicita suggella un pensiero atteso
Nei rivoli dimessi si scioglie un verbo
cupo di notte salvifica

Malgrado un occhio non guardi in basso
striscia sulla terra come steso al sole furtivo
e raccolgono le membra i grani di polvere
sommersi di neve sporca
Indice determinante delle luci asfittiche
come se non ci fosse giorno nel chiarore
un battito d’ali nel volo

Capivo di non distinguere i riflessi di gioia
nelle stremate amenità dei prati
Esaudivo gli altrui presagi d’attesa

Tremavano le terre scure nei crepacci di sasso
Le mie faccende infinite di crucci esitavano
sui possibili tradimenti dei propositi
Espandendo le agonie come bolle gonfie
a rotolarsi nell’aria senza toccarla
Esito propizio disattendere o vincere
che le salite imparavano ad inclinarsi di meno
come possedute alla radice dai forti venti
e da un blizzard tiranno

Cosmogonia
Tripudio in solo do maggiore

Che fosse solo una inquieta fuliggine
del mondo a spegnersi
nelle mie orecchie fra brulle note
danzanti sulla bocca
Oppure ancora un laccio di fune
attorcigliato e teso
In grado perfetto di estinguere i debiti
violando le serre dei miei fiori
A Nord dell’intelletto puro
Come sepolte le istintive note
nell’adagio

Secondi docili sui petali mi illudono

E scendo

E scendo scendo
nei grani dei cicli lunari
E le colme giornate
sui bordi del gelo sprangate al cielo
s’infrangono
ai veri dilemmi che non odo
e non accuso
tra i fogli di latte
e biscotti
e poesia a mente
nelle stanze uniche
e nelle stufe di legna ad ardere bisogni
Soffrire per diverse corse nella neve
all’interno
perché è questo che faccio
sui toni sbiaditi del pomeriggio sdrucciolo
Mi schianto di versi e di freddo
per sapere ancora di essere intera
e non guardare con l’occhio socchiuso
quei tardi elementi di distanza che scuoiano
come pellami di cervi
dopo una notte trascorsa a fuggire

Infami collere

Infami collere
Inzaccherate
Richiuse
In barattoli a doppio fondo
Lunga conservazione resistente
Le muffe rimosse
I colossi di zucchero dentro
Estensibili ai più genuflessi
ritrattamenti
Estatiche rotture
Bianche
Nelle vacanti spirali di assopimento
Negli urti
Mi risollevano le giornate
So bene andare da sola
verso i chiari di luna
Non aspetto le chiacchiere
dei tacchi altrui
Neanche i tuoi in attesa
di richiamo
Urlante
Che abbasso il tono per
non farmi sentire
Vado senza braccio
Senza sforzo di te o di altri
Vado
Nelle camere distanti
Nei corridoi spinti al fondo delle ragioni
Nei tratti di strada esausti
Nei fienili spremuti di caldo
Il tepore arrugginito nei giunti
dei gioghi delle bestie a dormire
Dopo il pasto
Sottigliezze sono le trame
Gli orditi di futuro zero
Oggi non so se chiamarmi ancora
Con il nome
che io (dis)conosco
Rimuovo
Estraggo
Abortisco
Uno strato senza corpo
che un corpo mai ricorda
Solo richiama
I pomeriggi sul balcone
I fiori della magnolia
La tenda a manovella
Nel giardino le ore
La sera una illusione
lunga vent’anni appena
Di una selva in prestito
e di un bastone
con i diamanti sul pomello
I veli di affetto sugli occhi
riaperti come incubo sul sogno
In questa vita raggrinzita d’esasperato
Effetto/Morte
Per andare andare
Senza sforzo di te o di altri
Nell’invincibile minaccia
del mio aspetto
Nuovo
E senza conservanti

(finestre aperte m’invitano ai davanzali)

M’avresti da dare un secondo d’esitazione- che
ricordo qualcosa, qualcosa da dire, qualcosa
di un corpo sepolto

Meramente sfiorite le calle
E le rose in carta rossa
Fragili paraventi in corsa
immobili sui piedi dell’intenzione
Promesse rinviate in calce
e spassionati drenaggi acquisiti
(dopo le orme scarse che lasci)
Che le trine notturne
in addomesticato soliloquio
s’infittiscono
Estese
ai corti bracci legati ai miei
regno ritmato dai canti e dalle
schiere di angeli
ammansiti dalle falene
senza lume
Fra le cantilene sbordano rime
In fila a montare croci sulle cime
Che sfavillano prive di pelle e ossa
Come carcasse in culle abbandonate

Risorgo dall’erba sotto i tuoi piedi

Poesie tratte dalla raccolta “Stanze del nord”, Onirica Edizioni 2012

Biografia:

Federica Galetto nasce a Torino.
Poetessa, scrittrice, traduttrice, appassionata di lingua e letteratura inglese e americana, scrive sul blog letterario “La stanza di Nightingale” http://lastanzadinightingale.blogspot.com/
e WSF http://wordsocialforum.com/.
Nel luglio 2010 pubblica per i tipi di Lietocolle Editore la sua prima raccolta poetica “Scorrono le cose controvento” e nel  2011 la sua prima raccolta di Poesie in lingua inglese “Ode from a nightingale”, Masque Publishing, l’e-book “Silent is the House” (bilingue, Inglese-Italiano), Errant Editions 2011, l’e-book “Nell’erba il punto”, La Recherche, 2012. Sue poesie, racconti e traduzioni sono stati  pubblicati su diverse riviste e blog letterari, antologie edite da Perrone Editore, Mondadori, Lietocolle, L’Arca Felice, fra le altre. La sua Poesia è stata citata da Maurizio Cucchi su La Stampa e sulla rivista Poesia. Vincitrice del Premio “La vita in Prosa” edizione 2011 e Verba Agrestia 2011.Vive e lavora in Piemonte, in un piccolo villaggio del Monferrato. “Stanze del nord” è la sua seconda raccolta poetica edita da Onirica Edizioni, 2012.

Annunci

10 Risposte to “Federica Galetto”

  1. Vera D'Atri Says:

    Il giardino ha così la sua viola e il suo denso profumo di vita segreta. Brava Federica.

    Vera

    Mi piace

  2. meth sambiase Says:

    Ancora un’altra Federica è quella del verso raffinato, la padronanza attenta alla giusta armonia fra quell’inquietudine “a Nord dell’intelletto puro” e la raccolta della bellezza delle parole.
    Grazie a Cristina e a Narda.

    Mi piace

  3. elina Says:

    sto imparando a leggere la poesia di Federica, la seguo da anni
    noto e annoto la sua infinita ricerca di suoni, significati, sguardi che annoda a parole “preziose” e “custodite”
    ha cura la nostra autrice di portare un “abito” sontuoso, un “tessuto” che da antico diventa odierno,un cucito di profumi e sostanza densi e maturi
    la ritrovo qui, in queste stanze la vedo bella
    ringrazio Cristina e Narda

    Mi piace

  4. federicagaletto Says:

    Ringrazio tutti per la lettura e i commenti. E grazie per l’ospitalità a Cristina, a Narda per la sua acuta nota di lettura. Un caro saluto

    Federica Galetto

    Mi piace

  5. domenica luise Says:

    È una poesia di fiori stremati, di bellezza che illude per deludere ed illudere ancora: quel “risorgo” finale ne è il segno. La poetessa è una donna delicata, dalle larghe ferite dalle quali sprizzano versi oscuri, che d’improvviso sfavillano per tornare subito ermetici sicché la sua anima dolente rimane annebbiata nei segreti. L’impressione che rimane al lettore, nel mio caso, è qualcosa di imponderabile: la coscienza di quanto l’amore dei poeti sia sprecato e disamato.

    Mi piace

  6. Villa Dominica Balbinot Says:

    a me pervengono testi molto convincenti, ben resi, li chiamerei versi di “ruvidezza germinativa”( e questo anche per i molteplici riferimenti alla natura): scabrosità sì ma scabrosità “fiorita” come di cardo( “le sue spine inflitte)

    Mi piace

  7. federicagaletto Says:

    Io vivo in campagna. La cosa buffa è che anche quando vivevo in città, dove sono nata, cresciuta e molto altro, vedevo la natura nello stesso modo in cui la vedo oggi che la vivo nel quotidiano. Forse in città ne avevo una percezione ancora più acuta e stringente, e la immaginavo così fortemente da sentirla come fosse fuori dalla mia finestra. Non c’erano la metropolitana, il traffico, lo smog, ma c’era la campagna aspra e bellissima delle colline in cui oggi vivo.Questo per dire, riferendomi al commento di Dominica, che la Poesia della Natura è sempre esistita dentro me, al di là di ogni realtà tangibile ed effettiva. Sono nata con l’erba nella testa e i fiori nel sorriso, e questo cordone non si spezza. O almeno non ancora. E di cardi è pieno il mio podere, e tendo ad amarli come amo le viole 🙂

    Mi piace

  8. cristina bove Says:

    Federica scrive della vita vissuta nella pienezza di sottili percezioni, gesti o visioni, che la sua mente trasmuta nell’oro dei suoi versi. Una preziosa alchimia.

    “Vado senza braccio
    Senza sforzo di te o di altri
    Vado
    Nelle camere distanti
    Nei corridoi spinti al fondo delle ragioni
    Nei tratti di strada esausti
    Nei fienili spremuti di caldo
    Il tepore arrugginito nei giunti”

    Un’anima forte, dal cuore saldo, fortifica perfino il verso.
    L’anafora è un battito in più nell’atanor del cuore. La poesia è per lei, s’intuisce, il collegamento, la continuazione di un dialogo mai interrotto tra il sé e ciò che accade, tra lo spirito e l’apparenza delle cose.
    La ringrazio della sua generosità di sempre, e della presenza in questo giardino.

    cb

    Mi piace

  9. marinaraccanelli Says:

    Reblogged this on mioblogdeiblog.

    Mi piace

  10. federicagaletto Says:

    L’ha ribloggato su La lepre e il cerchioe ha commentato:

    La recensione di Narda Fattori al mio libro “Stanze del nord” – Onirica Edizioni, 2012

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: