Carla De Falco

by

foto orizzontale

La poesia di Carla de Falco è un’intrisione nel travaglio umano espressa con “parole pugnalate dal silenzio” dove persino l’opulenza dei vitigni d’autunno “inebria di pena i filari“. L’autrice afferma: “sarò pioggia matta e sbieca come un poeta“, essa diventerà mare di pianto “che si specchia in un ramo di stelle“.

Anche la terra “vibra, trema e strilla” e ci sono “sfide vissute come guerre”, difatti la poesia “Valico di frontiera” si chiude con la parola “drogo”, che è appunto il signore della guerra. Questa è la perenne lotta umana, che provoca L’horror pleni: “sgomento del pieno, del tanto, del troppo. Bisogno magari di un mare di vuoto“. In realtà tutti noi temiamo il vuoto e il buio dello spirito, che invece qui è invocato come un refrigerio, non solo, anche una speranza perché il vuoto si può riempire con la poesia o l’amore, ma se l’anima è satura di spazzatura nulla potrà entrare.

L’ultima poesia proposta, Una stagione di solitudine, inizia da un punto centrale e pregnante del pensiero: “Museruole a serrare chiese e case“, ossia fede e famiglia sono imbavagliate, non hanno niente da comunicare o almeno così sente la poetessa: è il silenzio di una solitudine senza confini. La poesia si dirama, si accende e brilla con altrettanta intensità nella frustata finale: “non è più questo il giorno per sognare alcun sogno” dove il complemento oggetto interno evidenzia l’illusione del verbo.

 Domenica Luise

 

 

vite d’autunno

ed ora anche da te

di un verde più intenso degli altri

cadono come a ventaglio

giovani figlie dell’aria.

trabocca un silenzio irreale

nel lento tormento del giorno

e tutto è come in attesa

sospeso ad un quieto ritorno.

intanto, nei legni ricurvi

il muto relitto del mosto

inebria di pena i filari.

 

sarò pioggia

quando sarò pioggia

scriverò lunghi addii sui vetri

spaventosa e fragile sarò rapida

matta e sbieca come un poeta

alla ricerca di un posto che non assorba

e non respinga.

spegnerò i rintocchi dei mercati

canterò in rivoli

luoghi di frontiera, abbandonati

abbracci senza catene

e senza appartenenze.

rugiada lenta sulla viola cima

sarò lieve brezza di mare

che si specchia

in un ramo di stelle.

 

 

valico di frontiera

si  perdono i tratti conosciuti

sfumano lingue e prospettive

parole pugnalate dal silenzio

pensiero che arranca nell’altrove.

nessuna bandiera all’orizzonte,

il piede vacilla, senza terra

nell’assenza di arrivi e di partenza.

del confine cerchiamo ancora il segno

come cerchi di fumo dentro il buio, drogo.

 

 

horror pleni

il mare è quiete triste

è lama di coltello

profondità taciuta

tormento dell’abisso.

 

la terra è un suo frammento

e vibra, trema e strilla

da troppe catene infedeli spaventata.

 

vibriamo di parole perse nella rete

all’ombra di sfide vissute come guerre

scansando sempre ostacoli

ma senza direzione

e consumando ansie

zeppe di cose e voci.

 

sgomento del pieno, del tanto, del troppo.

 

bisogno magari

di un mare di vuoto.

 

 

una stagione di solitudine

museruole a serrare chiese e case

navigo come la luce

osservando smorfie fratturate

che un tempo furono sorrisi

raccattando polvere di crisi

e toccando lo scheletro del vuoto.

e temo

quasi aspetto

che qualcuno prima o dopo

mi dica chiaro e tondo

non è più questo il giorno

per sognare alcun sogno.

 

 

 

 Carla de Falco nasce alla frontiera tra la primavera e l’estate del 1972 a Napoli.

Laureatasi giovanissima in Lettere all’Università “Federico II” con una tesi sulla poesia delle origini, si è poi specializza in studi aziendali, economici e dello sviluppo presso Stoà di Ercolano e presso la SDA Bocconi di Milano.

Formatrice e manager delle Risorse Umane, a trentacinque anni lascia la carriera aziendale per vocazione all’insegnamento ed all’attività letteraria.

Oggi è docente di Lettere in un Liceo di una periferia a rischio, è sposata e ha un figlio.

Sin dal primo anno d’attività editoriale, ha vinto decine di concorsi letterari nazionali, ottenuto numerosi premi internazionali e riconoscimenti di prestigio. Le pubblicazioni antologiche che riportano sue poesie sono allo stato più di una trentina.

Ha appena pubblicato il suo primo libro Il soffio delle radici, Laura Capone editore, Milano, 2012. La silloge, già vincitrice  dell’VIII Premio Hombres, ha ottenuto un riconoscimento per la sezione poesia naturalistica al Premio Letterario Nazionale  Leandro Polverini ed è stata segnalata con merito al Festival d’autore Dieci Lune.

 

Annunci

Tag:

8 Risposte to “Carla De Falco”

  1. fattorina Says:

    Ma che brava, Carla. Le prime poesie dove smaccatamente usi la rima, che è un ammorbidente, sono quelle più inbtrense, sembrano danze di lingue di fuoco. Il verso sciolto riflette troppo, appartiene di più alla testa, vuole apparire; io preferisco le prime poesie danzatrici armoniose alla Salomè.
    Narda

    Mi piace

  2. lallaerre Says:

    Mi piace questa immagine offerta da Narda di “danze di lingue di fuoco”, dove riconosco la vitalità, l’espressività e insieme la disciplina che, come nella danza, occorre per domare le emozioni.
    Un piacere leggere queste poesie di Carla.

    Mi piace

  3. Carlè D. de Falco Says:

    Il fuoco rappresenta bene l’arte. E dunque grazie a Narda e Luciana, per avermici accostata.

    Mi piace

  4. bruno lugano Says:

    non sei male, ma puoi fare di piu. te lo dico io. non ridere. anch’io credo do essere un poetone che ha bisogno di conferme perchè le sue sono troppo conferme

    Mi piace

  5. Carlè D. de Falco Says:

    io invece, caro bruno, non credo di essere una poetona. e penso che tutti, sempre, possiamo fare di più. guai, se così non fosse. saremmo già morti. o, peggio, consacrati.

    Mi piace

    • bruno lugano Says:

      mi devi scusare ma ho scritto quattromila107 poesie in dodici anni e mi porto dietro delle ruote impazzite che mi trascinano verso le mie
      patologiche ma dolcisssime esaltazioni. poi poetone è il mio nickname su twitter e l’ho preso da un amico che mi chiamava così e che mi stimava al punto da pagarmi un cd recitato da un buon attore e di cui puoi ascoltare due brani sul mio sito. io mi sento un grande poeta, e mi piace soffrire per questo perchè si soffre a pensarlo e ci vuole coraggio e superamento continuo delle depressioni della vanità accarezzata. mi piacerebbe avere un tuo parere sul mio lavoro. io sono vecchio ormai e scrivo come antidoto
      alla solitudine e al sentimento di morte e…… ciao. fammi sapere se ti va. io vorrei che ti andasse

      Mi piace

  6. Carlè D. de Falco Says:

    mi andrà. chiedo solo tempo. mi andrà. presto, credo.

    Mi piace

  7. Piggi Says:

    Sono troppo “piccolo” per apprezzare appieno le tue poesie. Mi piace però molto il suono che producono quando le leggo ad alta voce.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: