Doris Emilia Bragagnini

by

Doris Emilia Bragagnini giardino dei poeti:

.

Ascoltare i suoni emessi dall’insieme di parole che quest’autrice accosta con la precisione armonica di una partitura per orchestra, non è difficile, basta lasciarsi andare sull’onda dei versi e non pensare alle matematiche della poesia. Doris Emilia Bragagnini, con la sua “musica” ci risucchia in un vortice di sensazioni che esulano dal comune, che s’insinuano tra le pieghe dell’anima facendoci sentire là, in quel momento. L’effetto presenza è un punto di forza di questa sua poetica che ha uno schema unico perché personale e diventa difficile discernere la poetessa dalla donna perché lei, Doris, è così. Da lettore entusiasta della Bragagnini dico che c’è tempo per entrare negli intrinseci significati, nei perché di quel tipo di strutture e di metriche o del vocabolario; avventurarsi nel suo territorio poetico attraverso quei sentieri di crome e sincopi, sospensioni e allungamenti, è davvero emozionante, tanto da permettere di riuscire ad escludere l’audio della fisicità per “sentire” solamente il suono dello spirito che muove la sua poesia. (Sebastiano A. Patanè-Ferro)

.

Circonduzione di capace (la danza)

Sfuma anche la rabbia parole come stillicidio dei giorni
chiaroveggenze figurate di: vene, slabbramenti agli orli
e silenzio – ombra – vuoto – anima – grumo come
stelle – luna – cattedrali – gabbiani sì, anche loro

mi fanno vomitare
gli spalancamenti sgocciolati, non per voyeurismo di misura
ma nel ventre ripetuto così tanto, oh tanto di tanto in tanto
da perdere diritto di dimora gli organi interni {*femminili*}

Non sei tu che chiamo nei paraggi di una me qualunque
a ogni ora, di ogni giorno – qualunque giorno, di cui penso
non ci sarà più tempo, non ci sarà più modo
di fingerti astrazione scantonando verosimilari versi per asporto

i vagoni sono pieni di giunchiglie trapassate
aghi di pino sotto la vestaglia (in lana di lama) fino al soffitto
non teme coricarsi il fachiro di fiducia e il fianco
il fianco amabilmente sanguina, a ruota di pavone

.

claustrofonia

il muro tace, non risponde più
si lascia guardare angolandosi
in riproduzioni lessicali nei passi
o sfarfallii – armati – sottoluce

ogni tanto un urto di temperatura
differente, a porte chiuse ] tolte le dita
da maniglie ingoiate a sorsi, uscite laterali
agglomerate al bolo circolante, contropelle

la risalita dei ricordi sfida il cemento
dell’anima in guardiola, divelta e sugosa
chiaroscuro del Merisi

stretto chicco d’uva fragola come fosse un uragano
moltiplicato a schizzi su pareti in guanti bianchi
divaricate a terra ora

“… tu aprimi al tuo fiato singultato, viola di Tchaikovsky ”

.

Serra d’inverno (solvente 12)

filtra ad angolo retto la vita_sul linoleum ]
investe il bidone d’acciaio schiacciato alla parete

sono forse luci vere quelle, franate
a capoverso di corsia
un’ovatta scintillante captapensieri
se chi mi dice il nord è compagno di sventura
e la linea d’orizzonte guarda basso

ma noi avremmo inciso i polsi a pleniluni e cioccolato
tanti tempi in un bicchiere solo tuo
da passarmi sulla fronte dopo

tu mi toccavi come le spighe correndo
il viso verso l’alto, senza mai spiegare il chicco

.
.

Doris Emilia Bragagnini nata in provincia di Udine, definisce così la sua essenziale biografia: ”nata nel nordest vive da sempre a due passi da sé, qualche volta v’inciampa e ne scrive”. Compare in alcune antologie, con prefazioni per sillogi poetiche, in blog e siti letterari web: Neobar, Filosofi Per Caso, Il Giardino dei Poeti, Torno Giovedì, Viadellebelledonne, Carte Sensibili, La Poesia e lo Spirito, La Dimora del Tempo Sospeso, Le Vie Poetiche. Ha partecipato al poemetto collettivo “La Versione di Giuseppe. Poeti per don Tonino Bello” (ed. Accademia di Terra d’Otranto, Neobar 2011). Inserita nell’antologia Fragmenta (premio Ulteriora Mirari ed. Smasher 2011). Menzione d’onore per il testo “claustrofonia” sezione “Una poesia inedita”, premio Lorenzo Montano 2013. Oltreverso, il latte sulla porta (ed. Zona 2012) è la sua opera prima. Redattrice di Neobar cura il blog personale ”Inapparente Crèmisi”.

Annunci

Tag:

11 Risposte to “Doris Emilia Bragagnini”

  1. romeoraja Says:

    Inconfondibile, e non tanto per lo stile che comunque ne distingue il percorso, ma per questo senso di autenticità che sempre i suoi versi mi lasciano addosso insieme alla percezione di ” costo ” che ha lo scrivere. E’ un libro che non si ammucchia con gli altri, rimane sempre li, in sospeso, tra una volta e un’altra.
    Bravissima Doris e grazie per questa pagina

    Mi piace

  2. fattorina1 Says:

    Gli ultimi due versi dell’ultima poesia meriterebbero un trattato di poetica e contenuto, dicono di noi in modo suggestivo la difficoltà o la incapacità di fermarci per incontrarci e lo dicono con le immagini agresti più semplici e più vere, cioè più vicine all’essenza della verità. Brava, Doris.
    Narda

    Mi piace

  3. sebastiano Says:

    Ti ringrazio, Doris, per avermi citato, col mio modesto parere, a presentazione delle tue splendide poesie. Ha perfettamente ragione Romeo quando dice che il tuo non è un libro tra i mucchi ma qualcosa da tenere sempre presente. Ti abbraccio forte e forte abbraccio la cara Cristina che ti/ci ospita.
    Grazie.

    Mi piace

  4. Doris Emilia Bragagnini Says:

    Cristina, Romeo, Narda, Sebastiano… grazie sempre per le vostre parole, il pensiero, l’attenzione che da voi ricevo in dono (prezioso).
    Vi saluto tutti caramente.
    Doris

    Mi piace

  5. SoniaLambertini Says:

    claustrofonia

    il muro tace, non risponde più
    si lascia guardare angolandosi
    in riproduzioni lessicali nei passi
    o sfarfallii – armati – sottoluce…
    Oggetti danzano con parole, rispettandosi l’un l’altra, figure create ad arte in chiaroscuri toccano con delicatezza e profondità. Complimenti Doris, grazie.

    Mi piace

  6. margherita ealla Says:

    la poesia di Doris ha scandagli emozionali profondi e affilati, che toccano le faglie dell’essere proprio sui bordi, fuoriescono quindi “singulti”, lave cremisi, sguardi, nei quali l’improvviso farsi lessicale rende al lettore, non chiaramente, ma per un darsi spezzato, in chiaroscuro, o in un solo particolare ancorché nitido, ciò che altrimenti tornarebbe a inabissarsi.
    è una poesia di anelli che non consente di perdersi/ci. Perciò un dono. grazie
    e un abbraccio

    Mi piace

  7. cristina bove Says:

    l’ho detto spesso e lo ripeto ancora: la voce poetica di Doris è inconfondibile.
    i contenuti sono vitali, veri, non si adattano a schemi romantici, ma conservano la delicatezza di un’anima che sa trarre dal profondo e sofferto, la poesia.

    cb

    Mi piace

  8. Doris Emilia Bragagnini Says:

    Grazie Cristina per la testimonianza del tuo pensiero, lo leggo ora con gioia!

    D

    Mi piace

  9. Doris Emilia Bragagnini Says:

    Sonia e Margherita, grazie della vostra visita e della vostra opinione.

    Marg, il tuo commento è esso stesso poesia (onorata e felice che tu senta così quello che scrivo)…

    D.

    Mi piace

  10. ninamaroccolo Says:

    La tua voce unica, Doris. La tua sensibilità che sfiora gli oltremondi dell’essere e degli universi stessi.
    Amo le tue parole, il tuo modo di comporre, il tuo essere Doris, solo soltanto Doris… La tua pelle che si intride perfino di uno sguardo verso l’alto per tentare di comprendere ciò che accade quaggiù – nella ragione del chicco… Sei fantastica!

    Un abbraccio,
    Nina*

    *Ogni Bene, Cristina! Un saluto a tutti.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: