Antonio Devicienti

by

devicienti foto

INTRODUZIONE

Non so scrivere in versi senza avere presenti o senza fare riferimento ai poeti e agli artisti che più amo. Forse la mia è poesia cerebrale o citazionista, del che mi scuso: l’unica cosa di cui sono certo è che la mia scrittura prende forma proprio grazie alla lettura e all’emozione (fortissima) che in me suscitano le opere altrui, per cui essa vuole continuare (consapevole della propria subalternità) e amplificare la risonanza delle voci di chi m’insegna un modo di scrivere, soprattutto un modo di vivere.

COSTELLAZIONI PER IL NOSTRO OGGI

Così prende possesso la notte
delle strade parmigiane.
                          

Attilio e Vittorio (amici d’una vita)
fanno un’ennesima passeggiata
dentro l’affetto e il ricordo dei vivi:
                             

perché è in noi vivi la nostalgia
per i poeti
dei quali vorremmo ancora nuovi
versi, nuove
parole
per traversare la tenebra italiana
e imparare noi stessi l’arte del dire.
                     

Nelle parole (pur consumate) cerchiamo
un pensiero
che ci riscatti e zittisca
la protervia dei lacché.
                     

Balugina Parma nella nebbia
di novembre che
(pochi giorni al compleanno di Attilio)
si sfilaccia ai lampioni,
s’addensa negli anditi dei palazzi nobiliari,
si dissolve in umidità sui selciati,
voce si fa, voci nella strada
amicale andanza di passi
superàti soltanto da una bicicletta
staffetta partigiana
che a perdersi va
nell’intermessure dei muri alla Pilotta.
                                

“Così fu dato il segnale dell’insurrezione,
guerra partigiana
riscatto d’un popolo che pur tuttavia
nel fascismo aveva creduto.
Ricominciava la storia
e forse un’Italia nuova”.
                      

«Alle sabbie stordenti d’Algeria
giunse sentore di quanto dici
e come penosa la lontananza,
forzata assenza…..»
                      

“Lontananza,
forzata assenza erano
esperienza quotidiana:
mai abbastanza vigili,
mai abbastanza coscienti
se poté accadere che tradimmo
nell’ottusità dei giorni
la promessa e la speranza”.
                            

Amalasunta d’Osvaldo Licini
o Tabaccaia di Fellini
è luna semisvelata l’orologio
a Piazza Garibaldi
mentre
laici angeli avvolti
nei soprabiti del transito terrestre
i due amici scompaiono
tra le sedie capovolte sui tavolini
del caffé.
                            

Ricompaiono più in là, avviàti verso il Teatro Regio.
(Maraviglierebbe lo sguardo di Ghirri il Regio
allucciolato stanotte dell’oro nei fanali municipali (1).
                                            

«Ossessionati dai dubbi
e messi ai margini
sempre ignorati
sempre appassionati alla scrittura
fino ed oltre il fessurarsi degli orologi».

[1]”Allucciolato d’oro” è un mio furto dal libro A  MEMORIA  DI  MARE di Donata Berra
                                       

“Tessevamo trame di riflessione, Vittorio,
nostro atto politico
cercare consapevolezza traverso la bellezza”.

                               

Sentilo l’odore di colle da falegname che
nei mattoni del Teatro stilla
quasi eco fosse del lavoro diuturno di maestranze
a scenografie a stoffe a macchine.
Un Simon Boccanegra di due secoli
addietro soffio nell’aria densa
di vinificazioni lente.
                                 

“C’erano Franco e Pier Paolo
e Roberto, ricordi? coscienze impietose
su mancanze
e fallimenti”.

                                         

«Nessuno di noi ha concesso scuse
a se stesso
ma l’Italia non è quella che volevamo».
                                           

Alla svolta nella Piazza d’armonia
guizza come luna crescente l’orlo del Battistero e
“Maestro!…..” sussurra Attilio sorpreso:
                                                   

muove Morandi altissimo incontro ai due viandanti.
                             

Se l’Antelami è la nebbia parmigiana riflesso di miele
che lascia accadere conversazioni
svelandosi accogliente: se
capire vogliamo e meritare le eredità
di chi giunse bellezza a pensiero:
                                       

– Quanto sgomento colgo
nell’essere stato chiamato a camminare
nella mente dei vivi (dice)
e sono essi a coltivare il bisogno di noi
che siamo nomi transitati
negl’interstizi del tempo.
Tanta bellezza ancora m’innamora – .
                            

“Maestro! È gioia incontrarLa
sia pure nelle menti di chi c’immagina
in notturno vagolare.
Timore avvertiamo, l’Italia di sé
dimentica, vasto smottare dello spirito”.
                                   

«Non consolazione, ma chiarezza di visione
sono all’arte nostra richiesti
e scavo nella memoria» mormora Vittorio
una sigaretta accendendosi di dolcezza e d’ira.
                                      

Accarezza Morandi la pietra dorata
del Battistero gli occhiali sulla fronte
concentrate le pupille meditante contemplazione.
                                     

S’
egli accumula
silenzio e rigore d’arte: s’
egli è il monacale colore
dei muri antichi d’Italia: s’
egli ha in mano (soltanto ora
li vedono Attilio e Vittorio) sgualciti i
CANTI di Leopardi:
                              

– Facciamolo sapere a chi adesso ci ha
cercati.
E senza stancarsene studiare
e continuare a studiare –
                         

S’accendono i carriaggi
dall’ultima vendemmia transitanti
verso l’inverno che s’apparecchia
caparbio il lavoro dei vinificatori
premura e cura e andirivieni
dall’Oltretorrente.
                                 

Solca un treno il tempo che si prepara
luci accese negli scompartimenti
per notturni insonni lettori
e molte volte ancora s’appresserà
Fortini a Siena Roversi a Bologna Pasolini a Roma.
È il postale della notte:
vi sale Morandi dopo una stretta di mano
mentre la stazione muta intona
notturno canto d’errante.
                                 

Vittorio ed Attilio si prendono
poi sottobraccio; scavalcano i binari
proseguono nel silenzio
e nel tempo che si prepara.
 

 

Antonio Devicienti, di origine salentina, vive nell’alto Varesotto e insegna tedesco in un Liceo sulla sponda lombarda del Lago Maggiore; collabora con il blog collettivo Cartesensibili e con la rivista online Samgha; suoi testi (note di lettura, poesia e prosa) sono presenti sull’Immaginazione (Piero Manni Editore), sulla Dimora del tempo sospeso, Compitu re vivi, Versante ripido, su Poeti e Poesia, sulla rivista online Zibaldoni e sui siti delle Case Editrici LietoColle, La Vita Felice, CFR, oltre che in diversi volumi collettivi editi da LietoColle e da CFR ed in uno pubblicato dalla Vita Felice. Del 2011 è la sua prima silloge poetica, Linea borbonica (LietoColle), cui è seguito il poemetto Torrido (in Opere scelte, Fara editore, 2014). Cura il blog personale http://www.vialepsius.wordpress.com ed ha un profilo facebook Via Lepsius Antonio Devicienti.

Annunci

Tag:

8 Risposte to “Antonio Devicienti”

  1. Anna Maria Curci Says:

    «Notturni insonni lettori«, e anche mattutini, ringraziano per questa coinvolgente contemporanea “visita ai poeti in esilio”, che Antonio Devicienti indica chiaramente come «costellazione per il nostro oggi».

    Mi piace

  2. fattorina1 Says:

    Ma sempre noi scriviamo sollecitati da altri; non c’è plagio, semmai onore; torniamo a far rivivere gli eroi e i non eroi, tutti coloro che la vita ci ha presentato ( ricordi “L’antologia di Spoon River? Sono certa di sì). La vita è una matassa preziosa e tagliente, forse tardi ho imparato ad apprezzarla. Anche le tue brevi liriche con le quali rendi omaggio ai defunti,ai fantastici, sono dentro di te e parlano attraverso i tuoi versi.
    Narda

    Mi piace

  3. Ernesta Scappaticci Says:

    Mi piace!
    ernestina.

    Mi piace

  4. cristina bove Says:

    sono felice che il giardino si sia arricchito del mondo poetico di Antonio.

    “capire vogliamo e meritare le eredità
    di chi giunse bellezza a pensiero”

    Mi piace

  5. Lucetta Frisa Says:

    gli autori che vengono prima di noi e con i quali scopriamo,felici, assonanze e sintonie sono come il filo d’Arianna o Arianna stessa che ci conduce nel LABIRINTO…e ne fa gli onori di casa.

    Liked by 1 persona

  6. il golem femmina è-Met(h) Says:

    Fin troppo raffinato, fin troppo centellinato nell’esibizione dei tuoi versi. Mi verrebbe da dire: FINALMENTE ti leggiamo nella pace di questo Giardino.

    Mi piace

  7. griffin Says:

    Una poesia di resistenza, partecipe, quotidiana ma raffinata, mai banale. Una colloquialità lirica, diretta discendente di Franco, Pier Paolo e Roberto – se questi sono chi penso che siano. Un abbraccio.

    Mi piace

  8. Antonio Devicienti Says:

    Preferisco, di solito, commentare i versi dei tanti (e bravi) amici poeti e tacere, per una sorta di pudore, quando talvolta vengono pubblicati miei testi; stavolta faccio un’eccezione perché all’affetto di Cristina e di chi ha commentato o ha voluto segnalare che ha apprezzato il mio lungo testo non posso non rispondere con gratitudine ed ammettendo con gioia un debito di riconoscenza nei loro confronti.
    Un solo cruccio: di non aver potuto conoscere personalmente Franco Fortini, Pier Paolo Pasolini e Roberto Roversi.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: