Anna Maria Curci

by

Nuove nomenclature e altre poesie – L’arcolaio, 2015

Anna Maria Curci pubblica poco e raramente, ma traduce spesso dal tedesco ed è attivissima sul piano della promozione letteraria. La partecipazione con singole poesie ad antologie di carattere etico e di denuncia la collocano fra quei poeti che non riescono ad adattarsi a questi tempi volgari, nefasti, immorali, dove vige l’imperativo immorale , come anticipato da Hobbes, homo homini lupus. Politica e cronache sono quasi indistinguibili perché compartecipi di un disegno di egotismo e di sopraffazione: la gente perbene non sa a chi rivolgersi, le solitudini scoppiano come angurie marce, il male vortica e confonde, la discriminazione fra bene  e il suo contrario manca di linea di demarcazione, al grido supplice risponde il silenzio dell’infinito.

Ma Anna Maria Curci artiglia nella sua poesia coltissima un presente terraneo e brutale che violenta pensieri e creature; la sua denuncia non ha risposte né illusorie consolazioni misticheggianti, figliastre di religioni e filosofie. Il suo sguardo coglie l’orribile nascosto sotto una bella apparenza, non è ingannata da una bellezza contaminata, siliconata, da manichino.

Il titolo stesso, Nuove nomenclature, rivela che, se nomen omen, allora occorre chiamare le cose, gli eventi, con nuovi nomi, oppure ripristinare il significato in cui questi tempi li hanno mercificati.

Dunque ci troviamo davanti a un doppio percorso di lettura, e, tuttavia, qualunque percorso si scelga, il senso non cambia.

I versi scarni nel metro e non nel senso denunciano che non resta molto da dire, l’invalida è totale, la bocca fatica a trarre sillabe ben accostate per una nuova parola; si ricorda ora lucidamente l’odore dei garretti recisi nella cella frigorifera del mattatoio del Testaccio, che ha “visto da bambina, funzionante”. È un odore pervasivo, non frutto di lavoro, ma di macelleria umana che resta appiccicato alla pelle perché pulviscolo aereo che contamina il respiro. Nei marasmi quotidiani non si coglie uno spiraglio di verità, un tentativo di carezza, un luccichio di bellezza: “Volano stracci intorno./ I veri hanno colori / da tuta mimetica, / inodore è il tanfo./…    …”.  Gioca raramente con la retorica la Curci  e questo ossimoro rischia di sfuggirci: tanfo/ inodore.

Già siamo talmente assuefatti che anche i sensi ci ingannano, sono diventati ottusi, penosamente imbelli: “E la sibilla libica rinnova/ torcicollo aggraziato: di massacro / in massacro volge lo sguardo a Onna.”  Da Misurata, terra sotto sequestro dai massacratori dell’Isis al Paesino, Onna, distrutto dal terremoto e mai più ricostruito.   Anche di lei si fa dire che ha “la testa in riserva”. Abbattuto un muro , l’uomo ha trovato il pretesto per erigerne tanti, pare che mettano ordine e intanto soffocano gli intrappolati.

L’opera, che ha una sua continuità di senso, è ripartita in “Nuove nomenclature”, in “Staffetta” e altre ripartizioni di cui diremo poi.

                                  

Indubbiamente “Staffetta”, parte corposa del libro, forse ancora più visionaria della prima, ma non simbolica né onirica, pur essendo scritta con un dettato meno aspro e mostrando in filigrana un io che fatica a farsi imago: “…/ Non mi distoglie scherno/ e quel pallore mio già m’innamora/ l’idillio di natura non ristora/ chi sceglie l’auto-inferno.”

La scelta dell’auto –inferno è la scelta consapevole, di chi sa e non vuole compromissioni ( leggere pagg. 54/ 55 ) e comunque se sollievo esiste resiste un attimo, quindi peggiora ogni futura situazione.

A mio parere, i titoli non sono ininfluenti, dunque Staffetta, all’interno di questo percorso, che cosa sta a significare?

Staffetta è una corsa in cui ci si passa il testimone, anche qui ci si passa il testimone, sempre lo stesso, dunque la consapevolezza di procedere in avanti è falsa, si corre in tondo, forse all’interno di un’ellissi. Ecco versi dichiarativi:  “Non ho voglia di puntellare, oggi./ Ho esaurito la pietas/ per fragilità immemori” ; “Moderato cantabile suonavo/ o leggevo, non so ( sai mi confondo) / a incaponirmi nel mio viaggio indietro/ per stanchezza, viltà, dila(ta)zione.”

La Curci prosegue nella sua staffetta  e passa il testimone spesso, ma è gioco crudele e dissennato perché il testimone è uno strumento di efferatezza, irride il principio di realtà, irride chi per un istante si è fatto abbagliare.

Le altre poesie del titolo fanno riferimento ad argomenti a latere. Più  miti? Non direi. se anche la madre diventa tessera di questa efferata realtà, eppure il libro si chiude con due poesie, la prima quasi a disconferma di quanto affermato nelle pagine precedenti (.. ma lei, la cura, alza le spalle e cuoce.), la seconda confermativa (nel duetto di farsa e illusione/ perso per sempre il notturno d’incanto.).

Lasciamo questo dubbio a Anna Maria: è così difficile conquistare l’alba senza neppure una briciola di bellezza nello sguardo.

 

Narda Fattori

 

 

dalla sezione Nuove nomenclature

 

Lumpen – prefisso

 

Volano stracci intorno.

I veri hanno colori

da tuta mimetica,

inodore è il tanfo.

 

Nella notte ti culli

e ti spaventi a vuoto

per Lumpen variopinti

(rinnegati parenti).

 

Il cencio del risveglio

non porta la ragione.

pre-fissi la coscienza

con novelitas lumpen.

 

*

 

Macelleria

 

L’ho visto, da bambina, funzionante.

Era a Roma, era al monte dei cocci.

Mio padre, col suo camice e coi timbri,

lo conosceva con l’antico nome.

 

Fu la sua sede poi in periferia,

innocuo il nome: solo centro carni.

Con Brecht, Santa Giovanna dei Macelli,

pensavo al mattatoio di Testaccio.

 

Sociale, sale ancora a narici

marchiate squarto di macelleria.

In cella frigorifera hanno messo

quel ricordo di garretti recisi.

 

*

Onna

 

Di donna è il volto sfondato. Spalanca

seriale il paradosso di cartone

malamente inchiodato a Misurata.

 

Lei, l’oltraggiata, dispiega lontano

a fil di voce il sembiante. Puntella

pertinace l’assenza d’elezione.

 

E la sibilla libica rinnova

torcicollo aggraziato: di massacro

in massacro volge lo sguardo a Onna.

*

dalla sezione Staffetta

 

Fuori classe

 

A fatica trascino

le quattro carabattole più amate

case-motto da manto declassate

a ripari ambulanti.

 

A sostenere il mondo

per velleità prescelta ti condanni

d’abnegazione tu sciorini i panni

e sempre giri in tondo.

 

Non mi distoglie scherno

e quel pallore mio già m’innamora

l’idillio di natura non ristora

chi sceglie l’auto-inferno.

*

«’Namo donne che oggi so’ matta»)

 

Non ho voglia di puntellare, oggi.

Ho esaurito la pietas

per fragilità immemori.

 

Non ho voglia di chiosare, oggi.

Ha bevuto, il plumbago,

e sa ricompensare.

 

Non ho voglia di pescare, oggi,

refusi propri e altrui

sul pelo dello stomaco.

 

Non ho voglia di ballare, oggi,

la quadriglia dei cannibali

all’idiota.

 

Punto i piedi, faccio la verticale,

salgo sullo sgabello

e canto.

*

Moderato cantabile

 

Moderato cantabile suonavo

o leggevo, non so (sai, mi confondo)

a incaponirmi nel mio viaggio indietro

per stanchezza, viltà, dila(ta)zione.

 

*

dalla sezione Canti dal silenzio

V

 

Della pioggia a dirotto e della cura

che tutto abbraccia e mitiga e separa

e molce e scinde imbeve e poi asciuga.

 

Ha una cuffia piccarda o un berretto;

mette a sghimbescio un cappello consunto

se armeggia con cesoie, giardiniere.

 

Sul fuoco, a sobbollire prende tempo.

Cronomisuratori stanno in guardia

ma lei, la cura, alza le spalle e cuoce.

*

VI

 

un fantasma la serva di scena
nei giorni del gelo senza voce

 

Gli occhi abbassati sulla tela grezza

non scorgono altri cenni d’intesa

mentre esamina lembi e suddivide

toppe e rinforzi di primo soccorso.

 

La schiena scricchiola senza spartito

precipita la suite della speranza

nel duetto di farsa e illusione

perso per sempre il notturno d’incanto.

Annunci

Tag:

5 Risposte to “Anna Maria Curci”

  1. Anna Maria Curci Says:

    Ringrazio tanto Narda Fattori per la sua lettura che sa cogliere e ‘chiamar fuori’ un principio che si tende – “si tende” è un impersonale che mi coinvolge, perché fa parte anche delle mie ‘omissioni’ – a dimenticare: quello di responsabilità. Dunque il ringraziamento è duplice, perché dalle sue parole giunge a me non solo la gioia dell’attenzione, ma anche un insegnamento che ritengo di importanza primaria. Un grazie grande a Cristina Bove per la sua sempre affettuosa e generosa ospitalità nel suo “Giardino dei poeti”.

    Liked by 1 persona

  2. cristina bove Says:

    ospite graditissima sempre, in questo giardino che ti accoglie con la più grande stima, per tutto quanto ha scritto Narda, e per l’originalità della tua poesia.
    grazie!

    Mi piace

  3. annamaria ferramosca Says:

    Una inaspettata e intrigante scrittura poetica questa delle Nuove Nomenclature di Anna Maria Curci, che offre con coraggio il fianco ad una lettura ingannevole, affrontandone ogni rischio. Meraviglia infatti, conoscendo il profilo generoso di una magistra della lingua, instancabile operatrice culturale, traduttrice e divulgatrice di scritture, il contrasto evidente tra l’offerta delle proprie verità e il tono alto e insieme abbastanza sofisticato di questa poesia. Da subito però ho cercato di comprenderne i motivi, pur avvertendo tutta la mia inadeguatezza, ma confortata dal trovare lo stesso stupore espresso anche da Gianfranco Fabbri in postfazione; qui è messa in evidenza una scrittura gelosa di sé, sofisticata, che sembra vietarsi alla moltitudine… ardua nella decodifica… che dunque stimola ad una lettura diversa, attraverso uno studio attento che decodifichi il significante. Ma è proprio in questo voluto capovolgimento di ogni suggestione lirica, in questo sfidarsi-affidarsi ad una parola che la stessa poeta definisce aspra, che io trovo il respiro alto, insolito, stimolante, di una scrittura tesa a superare le convenzioni e che, senza farsi sperimentale ad oltranza, cerca di rispecchiare in uno stile evidentemente sentito come con-geni-almente efficace tutto il disincanto e la delusione di fronte al processo di disumanizzazione che investe la nostra contemporaneità (tema ben evidenziato dalla profonda lettura di Narda Fattori). E lo fa con un raro dominio di lessico e metrica, con visioni spiazzanti e riferimenti culti (dai suoi autori eletti) seguendo una sua originalissima ricerca che rivela quanto impensabili possano essere le vie del pensiero per indicare il limite di stanchezza della volontà, l’esaurirsi della pietas di fronte al ripetersi umano dell’errore. Con la mia ferma ammirazione per questa nuova intensa linea di ricerca poetica.
    Una piccola annotazione: di sicuro, il lettore digiuno di lingua tedesca si aspetterebbe qualche nota di traduzione di titoli di testi e di vocaboli disseminati, irraggiungibili dai più, forse anche una nota dell’autrice, e di questa mancanza chiederei lume ad AnnaMaria.
    Un saluto caro anche a Cristina e a chi passa tra queste pagine.
    Annamaria Ferramosca

    Liked by 2 people

  4. Anna Maria Curci Says:

    Affrontare rischi, raccogliere una sfida, andare incontro a visioni spiazzanti: tutti questi passi che accompagnano la lettura così vigile e attenta di Annamaria Ferramosca richiedono pazienza e coraggio. La sua lettura, la sua annotazione mi giungono insieme come dono e come lezione, anche circa un altro principio, accanto a quello di responsabilità sollecitato dalla nota di Narda Fattori: il principio di leggibilità. Un grazie grande e un caro saluto.

    Liked by 1 persona

  5. annamaria ferramosca Says:

    Nessuna lezione verrà mai da me, cara Anna Maria. Solo grande voglia di entrare in empatia con chiunque segua una propria linea di ricerca di efficace parola e di senso nell’arduo territorio della poesia. Un saluto caro.

    Liked by 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: