Archive for the ‘Giorgio Montanari’ Category

Giorgio Montanari

26 aprile 2020

Nella Purezza copertina fronte

 

Giorgio_Montanari_1

 

 

 

 

Prefazione di Antonio Spagnuolo

Aprirsi alle alterità per poter esprimere la propria interiorità è come immergersi in una
scommessa, al di là di un orizzonte multicolore e variegato, che disegni una non essenza e ripeta il falso movimento dell’apparenza per incidere alla fine semplicemente nel senso quotidiano dell’esistere. Il candore diviene allora la comprensione degli accadimenti al di là della piega del velo che appanna le trasparenze ed illude nell’inaccessibile.
In questa pagine il carattere episodico dei testi, realizzati nel verso quasi sempre molto
breve e martellante nel ritmo musicale, rivela l’imprevedibilità del dettato poetico in un
fraseggio che sfida anche la linearità narrativa per agganciarsi al momento simbolico della metafora o del sussulto esistenziale. La serrata progressione da un lato e la svelta concisione della frase dall’altra mettono in risalto i varchi della figurazione, suggerendo a tratti anche un collage ininterrotto per incastri e stupori che rendono la lirica vibrante, da confrontare e centellinare.
“Il mio corpo / è una cornice appesa storta, / una fotografia che, sbiadendo, / acquista ricordi e nostalgie…”. Il poeta spinge la sua mimesi in un processo di disintegrazione corporale intravisto nello sbiadire della fotografia e nello sciogliersi doloroso della memoria. Una memoria che nasce dalla fascinazione delle figure e si sgretola nella
illusione della quotidianità.
Forse le verità non possono essere dislocate nell’impulso della domanda, “nel solenne silenzio / della basilica / il vuoto mi circonda. / Volgo gli occhi verso l’alto / e il respiro mi strozza.” fino a quando l’assenza ha un ordine immaginario che al giusto richiamo accenna ad una risposta quasi sempre in ombra.
Allora gli accadimenti hanno la piega del velo e come “la farfalla / prima attirata dalla / luce / ora si agita / cercando di salvarsi / dalla lampada.” così la parola ha il groviglio della fuga, e come una spugna imbevuta di meraviglia cerca di levigare la roccia della coincidenza. La seduzione delle immagini rompe, nella poesia di Giorgio Montanari, ogni vincolo, perché l’autore riflette sulla sua parola, che insorge ad ogni accenno di immersione, tale è il tempo della vita che è nell’istante, o che era, o che sarà. “Uno, è il cuore che dimora in noi. / Uno, l’astrazione dei numeri primi. / Uno, solitudine non colmata. / Uno, l’anima in ascolto accoglie il mondo. / Uno, sono io. / Ci si evolve, quindi Due.” Il numero Due ed il numero Tre li troveremo diverse pagine più avanti ad interrompere le pennellate divenute protagoniste della catena poetica.
L’accento filosofico che imbeve molti versi di questa raccolta mostra orizzonti fuori del tempo, ossia nasconde il pericolo di Thanatos, che è sempre in agguato, per toccare le grazie dei ricordi o delle schermaglie adatte al subconscio, ove le cose non svaniscono, ma ghermiscono lo schermo delle visioni oniriche per i contraccolpi dell’assoluto.
Particolarmente suggestiva la seconda parte, “Lettere (D)al Paradiso”, ove l’autore si chiede ingenuamente come sarà morire, quando, nella tenebra, ombre di luce indicheranno la direzione, o quando la musica sarà finita, ma potremmo incontrare di nuovo Tenco, Ciampi, Mia Martini ed altri, nel refluire di note indescrivibili. Allora anche i simboli, di ritmi temporali o di figure spaziali, si succedono nelle composizioni, in
configurazione di grafie luminescenti o nei richiami che consentono di elevarsi nel
magnetismo che suggerisce la fantasia.
Anche la semplice umile materia ha un suo ruolo di mediazione, ed insiste nella
immobilizzazione fuori da ogni mito, perché “la seconda / pietra, / rivolta al collo, / mi soffoca per / un istante. / Inondo la terra / di lacrime.”
Sino all’oblio il poeta attinge dai sorrisi magnifici che si offrono oltre l’asfalto, o insegue
la risposta del proprio DNA, o sigilla i segreti per condividere l’essenza delle cose, o interroga il mistero della sfinge le cui chiavi sono rebus traducibili e nuovamente compare il numero Uno. La sapienza compositiva dell’autore è plastica, mobile, aderente ad una ricerca che lo pone tra le raffinate scelte del verso, anche se la musicalità si ripete in una coscienza enigmatica, collocandosi tra la tradizione ed il ripensamento di una crisi fluttuante.
Il testo dunque è come l’argilla da plasmare, una gemmazione segnata dalla esperienza, che avvolge, e da una fioritura virtuale che racchiude alterne soste, momenti in cui la sorpresa sorride al mistero, lo sguardo riconosce spaesamenti, l’affermazione dissolve il paradosso in gioco tra la rappresentazione e la metafora.

Antonio Spagnuolo

                                      

 

ESSENZA

Il mio corpo
è una cornice appesa storta,
una fotografia che, sbiadendo,
acquista ricordi e nostalgie.

La mia mente
è una gabbia da cui
affiorano culmini di iceberg:
sciogliendosi, essi mostrano
una nuova porzione
del solido fondo.

La mia schiena
è una catena che mi vincola
e mi stringe, limitando
l’armonia dei miei gesti.

La mia mano, che ora
scrive poesie,
è la stessa che
ha rubato o insudiciato.

Il mio sorriso
fu sbeccato quando
scacciai i pensieri: un quadro
incompiuto
nelle mani di
un avido battitore d’asta.

Gli altri sentono
una voce diversa
da come io percepisca la mia:
non ascolteremo mai
lo stesso suono
così come maschio e femmina
non proveranno mai
lo stesso orgasmo.

In un mondo
di apparenza e di inerzia
un uomobambino
può velare la sostanza
ma riflettere sull’essenza.
                  
                   
                       

VERTIGINI AL CONTRARIO

Nel solenne silenzio
della basilica
il vuoto mi circonda.
Volgo gli occhi verso l’alto
e il respiro mi si strozza:
le mani sudano gelo;
l’appoggio è meno deciso
per un corpo di burro
indebolito dal capogiro.
Apprensione che,
d’improvviso, tutto crolli?
Riverenza verso
chi dimora in alto?

Dileguatomi dal duomo
per le estreme emozioni
volgo gli occhi verso l’alto:
nubi bianche velano lo scenario
di turchese e di vento;
constatare l’apogeo
procura instabilità:
il vuoto, ancora, mi circonda
e l’equilibrio si indebolisce.

Il cielo è il limite.
            
                  

                          

UNO

Uno, come la vita.

Uno, è il cuore che dimora in noi.

Uno, l’astrazione dei numeri primi.

Uno, solitudine non colmata.

Uno, l’anima in ascolto accoglie il mondo.

Uno, sono io.

Ci si evolve, quindi Due.
                    
                          

                         

DANZA DI EQUILIBRI

Danza di equilibri
in una gara che
finisce presto per
allenamenti ìmpari.

Danza di equilibri
nella sintonia
di una melodia che,
tardi, si intiepidisce.

Danza di equilibri
se mi sveglio sentendo
il tuo corpo
divenire il mio.
                         
                       
                     

               

L’ABITO MIGLIORE

Il rumore rotondo
della lavatrice
sciacqua via i peccati
dal vestito macchiato.
Bisogna essere abili
per evitare che
i colori si mischino,
rovinando gli abiti –
come le bugie.
La luce del sole
asciuga la stoffa,
la purifica
dalle chiazze del rimorso;
il ferro schiaccia ed
il calore fa ritornare
tutto liscio –
come se nulla
fosse accaduto –
pronti ad indossare
la divisa migliore,
coprendo chi si
nasconde sotto.

 

Giorgio Montanari è nato a Parma il 18 luglio 1982.
Dopo il diploma di maturità scientifico-linguistica e la laurea specialistica in Trade Marketing e Strategie Commerciali, dal 2007 lavora in dipartimenti export e marketing di prestigiose aziende italiane. In parallelo, dal 2005, collabora con importanti testate giornalistiche nazionali.
Innamorato dell’Arte in tutte le sue forme (musica, pittura, fotografia, teatro, letteratura), Giorgio pubblica il primo libro “Finzioni Di Poesia” nel 2018. L’anno successivo escono la seconda raccolta poetica “Nella Purezza” (con illustrazioni di Luca Soncini e prefazione di Antonio Spagnuolo) ed il libro illustrato per bambini “Pizza Story” (con disegni di Marianna Salerno).
Alcuni suoi testi sono presenti sul “Catalogo dei primi baci” (2011) del pittore siciliano Massimo La Sorte, sull’antologia “Marche, Omaggio In Versi” (2018), sulla posterzine “Radici” (2019).
Il suo sito personale è www.giorgiomontanari.it