Archive for the ‘Luigi Paraboschi’ Category

Luigi Paraboschi

23 ottobre 2017

IMG_8467 IMG_8468

Geometrie

Angoli

Detesto quelli acuti sono spilli,
ed anche quelli meno appuntiti

hanno spesso un po’ di “sopracciò”,
specialisti nel salto della quaglia,

quelli retti, poi, sono così altezzosi
con la loro verticalità e il dogmatismo.

Gli ottusi, invece assumono sempre
quell’aria da vomere che squarcia,
sfondano ma senza cattiveria, non ci arrivano,
anche se usano molta buona volontà,
con quelli piatti mi sono deliziato
a lungo, distesi come orizzonti, calmi,
copule sull’erba, dolci morti in geometria.

Ma ora che indosso male il tempo, amo
quelli a giro perché non hanno punte,
si sono annullati nel vorticare, consci
che il bene ha forma circolare dentro cui
basta cambiare una vocale
per tramutare l’angolo in angelo.

 angolo giro

La perfezione non sta dentro il triangolo
come raffiguravano un tempo sul catechismo,
è l’angolo giro con i suoi 360 gradi quello
che può narrare questo amore che t’abbraccia
anche se incontra certi spigoli, ma è ancor di più
dentro un cerchio senza circonferenza
che io immagino sarà la vita attesa, ove
non basterà moltiplicare raggio per raggio
e poi per tre-e-quattordici per calcolare
la superficie, perché saremo tutti in tutto
senza dover sfiorare la felicità passando
per la tangente come succede quando amiamo.

a mia figlia

 

Cono e poi tronco di cono

Il massimo del fulgore l’ebbe col Metafisico
quando la sua forma celebrata dai manichini
nelle piazze deserte della città estense
si prestava per i giochi con la conoscenza.

Per la sua eleganza e per la disinvoltura
seduceva nei circhi sulla testa ai clown,
amava ergersi sopra gli altri solidi
pungere con l’arguzia nel dibattito tra menti.

Dentro il cono d’ombra nascondeva segreti
da confessionale e nel suo occhio di bue
le ballerine s’avvinghiavano ai doppiopetto,
ma perse la punta quasi senza rendersi conto

e si scopri ridotto a tronco di cono malandato
buono per sostenere i piedi di qualche vecchia
credenza traballante, poi lo costrinsero
a passare il tempo assieme ai parallelepipedi
dalle troppe facce, una per ogni circostanza.

 

l’area del cerchio

Provo a rinchiuderTi dentro la superficie
che credo di scoprire quando moltiplico
la fede con la speranza, e se invece del pigreco
metto il tuo nome, l’area ti sta stretta.

C’è sempre una falla nella circonferenza
e tu invadi gli spazi attigui a quel recinto
ove con presunzione ti ho racchiuso.

L’acqua tracima sempre dal mio cerchio
confortevole e la contraddizione origina
il mio malore, perché se cinque mariti
nulla hanno potuto contro la sterilità
della donna di Samaria, anch’io devo pur
farmi una ragione se fra i tanti lebbrosi
d’ Israele fu solo Naaman il Siro quello guarito.

 

Sfera

Del cubo meglio non fidarsi
ha troppe facce, una per ogni circostanza,
il cono vive sempre in dicotomia
tra il dottorale e il magico,
un po’ mago Merlino e un po’ Pinocchio,
sul cilindro è meglio sorvolare
è talmente snob che pensa sempre
d’essere infilato sopra il capo
di qualche Fred Astaire d’avanspettacolo,
la piramide è troppo presuntuosa,
crede d’essere investita dal destino
da quando l’hanno elevata a monumento,
il parallelepipede non sai come guardarlo,
quando l’osservi dice sempre con sussiego
“ dall’altro lato vengo meglio “.

Invece della sfera non puoi che dire bene :
tutto le scorre addosso e scivola via ,
non s’ intromette con gli spigoli vivi
ha una sola faccia ma non sai quale,
le basta il buffetto d’unghia di bambino
per correre sulla rena accanto al mare
e quando si fa boccia s’affida ad una mano
che le trasmette la forza necessaria
per appoggiarsi alla sua gemella e riposare.

 

la retta

E’ vero che tra due punti
la via più breve è quella retta,
ma se non mettiamo gli stop
alle laterali succedono disastri,

perché tutti sanno che infinite
sono le rette che possono passare
per un punto solo, perciò tieni presente:

conviene il percorso su stradine di campagna
senza la mezzeria pur se con molte curve
ma prive d’innesti alle carraie
che portano a poderi abbandonati,

occorrerà più tempo per l’arrivo
e di certo troveremo la brace spenta,
ma poco importa, basterà fare legna
nuova attizzare un fuoco senza
le vecchie braci su cui soffiare.

—————

Tre poesie
(con stralcio da una nota di Ennio Abate)

 Il fiume San Lorenzo

Il fiume San Lorenzo corre veloce
tra le rocce prima del Ferro di Cavallo
e poi si schianta nel salto
dentro la nebbia d’acqua
ove galleggia microscopico un battello
dal nome ” Maid of the mist “.
Così noi, tu, io, assieme
alla maschera di Tutankhamon
e allo schiavo che eresse
la sua camera funerarie,
il defunto di Sant’Elena
e gli insepolti delle sue battaglie
i loro amori, le malattie, il sangue
delle ferite, ed il dolore delle baionette
dentro le viscere, i dissolti di Hiroshima,
i disintegrati delle torri
tutto scomparso dentro quella nebbia
ove basta un secolo per essere dimenticati,
anche tu, piccolo uomo che ora balli
al suono dei jingle natalizi
ti perderai nel flusso della corrente
e non saprai di me e dei miei amori
inconfessati e sotto silenzio
non troverai che echi di rimando
ma dell’emozione di una mano intrecciata
con la mia, di quelle labbra cercate
nella morbidezza di un abbraccio contrabbandato
chi ti potrà narrare ?
Eterna è la nebbia del fiume San Lorenzo
e naviga ogni giorno quel battello
con i turisti, tutto avvolge
questo tempo che ci è dato e tolto
in un istante senza poter capire
la ragione della sorte e del destino,
la nostra storia ed i suoi angoli
che non sappiamo arrotondare
e quel bisogno di narrarci all’altro
che talvolta neppure sa di noi
( o l’ha smarrito nelle pieghe
d’un desiderio morto )
e le partenze che rinviamo
con quei biglietti di sola andata
già obliterati, tutto tutto tutto
sarà avvolto e poi travolto
dentro quella nebbia che si scioglierà
soltanto in un incontro dentro quel Tutto
e finalmente respirerà la pace.

*Il battello Maid of the Mist prende il nome da una figura mitologica degli indiani Ongiara, trasporta passeggeri, nel bacino alla base delle cascate, sin dal lontano 1846.
(da https://it.wikipedia.org/wiki/Cascate_del_Niagara)

 

Il pallone cade sempre al di là del muro

In quella fotografia non ancora color seppia
sorrisi, sguardi, complicità, inconsce
speranze, illusioni, tutto era ai nostri piedi
allora, il dubbio e l’incertezza non ci appartenevano,
ogni virgola era al suo posto, chi avrebbe immaginato
che il futuro sarebbe stato quello che divenne ?
A quel tempo si distendeva sotto i nostri piedi
il tappeto rosso delle stelle, tutto era in discesa
quasi senza pedalare, nessuna ombra
sarebbe apparsa sopra l’alba di anni nuovi,
Urbino sferzava i vostri visi col vento delle sue Cesane,
e così disperdemmo negli arabeschi delle strade
i nostri sogni fatti di attesa e i viaggi di speranza,
ma il tempo ci ha buttato addosso il suo mantello
e la vita è rimbalzata al di là del muro di confine
come talvolta avviene col pallone
e si deve scavalcare la recinzione
con la speranza di recuperarlo
ma l’erba è cresciuta a vista d’occhio

 

Al Premio di poesia

Non si nega l’applauso
è pura cortesia, affabilità,
civile comunicare un affiatamento
tra sconosciuti che hanno biascicato
le stesse parole, ordinandole
con diverse sfumature, domandandosi :
” ma cosa voleva dire ? ”
e la giuria indossa le piume d’ordinanza
si sciacqua l’ugola con le citazioni colte
s’arrampica sugli specchi
per dimostrare che ha letto
meditato e soprattutto ben capito
il senso, il messaggio (no, questa parola
non la si dice più, fa troppo anni sessanta)
meglio parlare di mission della poesia
e poi tutti a buttarsi a scapicollo
senza l’eleganza del censo e anche del ceto
sopra i bicchieri di vino bianco
la fettina di crostata e le tartine
gentilmente offerte dalle dame
d’una carità acculturata e progressista
poi la lettrice che declama i testi
con troppo birignao e l’autore
un po’ imbolsito che enfatizza
il suo prodotto, e tu che ascolti
ti domandi il senso di certe calligrafie,
se aiutano il mondo a farsi chiaro a noi
oppure se altro non sono
che l’appagamento d’una vanità
che ci attraversa e lascia folgorati
sopra una strada che mai non va a Damasco.
Infine ci si saluta, ci si complimenta
e si riparte, ognuno con la sensazione
di sfatto,di deja vù, di paura ben nascosta
per ciò che abbiamo dentro
e che avremmo voluto tirare fuori
ma le parole che avremmo usate
non sarebbero state degne del sentimento,
e domani ricominceremo a pennellare
la nostra vita sopra le vecchie tele
sperando che il senso si faccia avanti
e si dispieghi, ma non accade.

Sin dal primo impatto con i versi di Luigi Paraboschi si coglie il tono fondamentale della sua poesia, che è lucido, dimesso e amaro. (Quando ho pensato ad un corrispettivo nel campo della pittura, mi sono venuti in mente i quadri di Edward Hopper, il ritrattista della solitudine americana). Paraboschi coltiva una poesia che non vuole essere per letterati. (Si veda il distacco ironico che mette tra lui e gli altri poeti nella terza poesia qui proposta). E che s’affanna, invece, sulle domande di senso della vita e delle nostre esistenze. Sono, immagino, domande sue. Che però ha sentito galleggiare anche nella mente della gente comune con cui sta a suo agio. Come lui, costoro non hanno una corazza di studi letterari o filosofici e non amano le “ideologie”. Né i ricami col linguaggio («e tu che ascolti / ti domandi il senso di certe calligrafie»). Di solito hanno fatto altri studi (tecnici e scientifici forse) o hanno vissuto in modo pratico buona parte della loro vita. Hanno pensato, cioè, dentro le sue maglie strette e spesso ispide, non in appartati seminari accademici o cenacoli letterari. Dalla poesia, perciò, reclamano qualcosa che abbia ancora a che fare con quel che hanno cercato e cercano nella vita di tutti i giorni. Ai versi chiedono innanzitutto « se aiutano il mondo a farsi chiaro a noi».
Conservando gelosamente un legame privilegiato con questo tipo di lettori, ai quali Paraboschi mi pare legato in modo tenace tanto da farne anche una sua maschera difensiva e selettiva, la sua poesia proviene da un sincero bisogno di narrare e di narrarsi all’altro. Ed è perciò colloquiale. Non resta comunque in superficie. Non ti intrattiene amabilmente ma ti porta nella profondità dei sentimenti da lui vissuti, dimessi e amari, come dicevo. A questo «desiderio di contatto» Paraboschi non si affida però del tutto e tende anzi a castigarlo. E qui entra il realismo che ha conquistato dalle sue esperienze di vita e di scrittura. Perché ha troppo chiaro che il mondo, di cui una volta i poeti, ma soprattutto i narratori, che credo egli preferisca, raccontavano abbastanza liberamente, non ha oramai più «colori e forme definite». E sa bene che «oggi tutto si muove in fretta, la stanchezza / ci attraversa senza lasciare al cuore il respiro /per un battito anche senza futuro».
[…] Ennio Abate

 

—-

Luigi Paraboschi

2016 – finalista al premio “Città di Forlì “
2015 – segnalazione speciale al premio “ tra secchia e panaro “
2014 – ottobre secondo classificato al premio per poesia inedita “ le quattro porte “ di Pieve di Cento ( Bo )
2013 –
ottobre : 1° classificato al 32°premio per poesia inedita città di Quarrata ( Pistoia )
2011
aprile : terzo classificato al premio per poesia inedita “ tra Secchia e Panaro “ Modena
ottobre : menzione al premio Soragna per poesia singola.
2010
ottobre – primo premio al concorso “ Violetta di Soragna “ per la sezione “ libro edito con il volume “ Geometrie precarie “
maggio -terzo premio per la sezione silloge di poesia al concorso Mezzago Arte “ a Mezzago ( Milano)
maggio – Secondo premio per libro “ Geometrie Precarie “al concorso
“ Toscana in poesia “ di La spezia.
2009 –
Settembre – primo premio poesia inedita “ Le quattro porte “ Pieve di Cento ( Bologna )
Giugno –primo premio per silloge inedita al xxxiv concorso” Casentino “ di Poppi ( Arezzo ) con pubblicazione del volume “ Geometrie precarie “
2006
1° premio pari merito al concorso per poesia inedita all’VIII concorso “ Giacomo Natta “a Vallecrosia ( Sanremo )
2003 –
1° premio assoluto per la silloge di poesia “ Controvento “al concorso “Città di La Spezia”

Annunci